Game of Thrones e l’etimologia dello Spoiler

Mi ricordo ancora quando su facebook giravano tutti quei meme a tema GOT e io non sapevo nemmeno cosa fosse GOT. Poi sentivi la gente parlare di GOT e allora facevi due più due e pensavi: “ah! Ma quindi quei meme con cui tappezzano il web, è quello sto benedetto Game of Thrones!”.

E poi le stesse persone che sentivi parlare, che fossero in ufficio o al bar o chissà dove, improvvisamente e puntualmente si giravano verso di me, mi fissavano con l’aria di chi ne sa di più (per altro già certe della mia risposta) e mi facevano la fatidica domanda: “Ma tu te lo guardi il trono di spade?” … perchè si capisce se l’hai visto o no.

Ecco, io con aria innocente rispondevo “No. Non so nemmeno di che cosa state parlando”. Oddio in realtà un pò lo sapevo. GOT era sulla bocca di tutti. E’ sempre stato sulla bocca di tutti, ma io non facevo un plissé perchè in fondo non sapevo nemmeno se lo avrei mai guardato, nè se mi sarebbe piaciuto, nè se avrei avuto voglia di recuperarmi tutte le stagioni perse. Mai errore fu più grande. Alla mia risposta, puntualmente gli adepti del Trono di Spade non ci vedevano più. Tiravano prontamente fuori il copione per iniziare i possibili nuovi discepoli al culto di GOT. Così cominciavano a recitarlo in modo impeccabile. Sbattendosene del fatto che avrebbero anticipato parti salienti della trama nonostante le mie suppliche, e imprecando con centinaia di “Ma come! Ma non è possibile. È bellissimo. Come puoi non vederlo. E’ la serie più bella di sempre” e “Ci sono gli Stark del nord, i Targaryen platinati, i Lannister che sono stronzi! Tutti uno contro l’altro. Poi arrivano gli sfigati delle isole di ferro e bla bla bla e le guerre e i draghi.”

Partiva immancabilmente il pippone da Game of Thrones di un’ora circa, alla fine del quale ti facevano passare come una che della vita non aveva capito proprio un cazzo come Jon Snow (personaggio che a quanto pare non sa mai nulla e glielo ricordano pure due volte nella serie). Bene.

Il fatto è che loro non possono farci niente. I fissati di GOT hanno una cosa che li accomuna: la tendenza o meglio la necessità di dover sganciare bombe e parlare con qualcuno di GOT. Possibilmente se anche l’altro è a conoscenza della trama, altrimenti la conversazione non è abbastanza dinamica . Perchè è proprio un argomento base, cultura generale, una cosa che non puoi non conoscere e che probabilmente finirà su qualche domanda di ammissione all’università! Ed è per questo che se i fanatici di GOT incontrano qualcuno che non ne sa nulla … beh, non resistono, devono obbligatoriamente spoilerargli mezza trama a sue spese. Perchè questo ragazzi è lo spoiler, quello brutto e gratuito.

Che se mi sente l’Accademia della Crusca gli viene un colpo. Perchè non solo è un anglismo, ma “spoilerare” o peggio“ lo spoileratore” sono praticamente delle parolacce che prima del 2004 nessuno diceva in Italia.

Se cerco su google, ecco l’etimologia del termine: spoiler, dal verbo correlato (to spoil) ovvero rovinare, rubare, limitare le possibilità altrui, sciupare. Questo significato viene mantenuto, in senso figurato, anche nel lessico meccanico e sportivo dove lo spoiler è ciò che rovina o, meglio, disturba, il flusso laminare dell’aria attorno al veicolo.

Pensate applicato ad una trama, i danni!!! Mi domando quale flusso possa rovinare. Se più quello celebrale della persona che sta spoilerando o quello vitale dell’interlocutore.

E c’è da dire che esiste spoiler e spoiler, o meglio … spoileratore e spoileratore.

Esiste quello volontario, anche detto seriale, sadico e lasciatemelo dire, idiota, al quale come detto sopra, nello stesso istante in cui apre bocca non arriva più sangue al cervello.

Ed esiste quello involontario, anche detto colposo, idiota anche lui, ma che, vuoi per sbadatezza e leggerezza nel parlare, si intromette nelle conversazioni altrui e se ne esce con “Ah si, quel film in cui il lui muore?”. E poi dopo aver visto la faccia della vittima che non era a conoscenza del finale, continua ad infierire con frasi riparatorie tipo “Oddio ma che lo devi ancora vedere? Scusa mi dispiace, fai finta che non ti abbia detto niente”.

E Certo. Come no!

Non so se ho reso bene il clima … forse no. Il tasso spoiler è aumentato tantissimo negli ultimi tempi, soprattutto nelle ultime settimane con l’uscita del finale di stagione di GOT. Tanto che la gente ha iniziato ad avere paura anche dei social. Di uscire di casa. Di tutto. Una roba esagerata a dir poco visto che poi oltretutto le puntate uscivano di notte in Italia. Quindi c’è chi arrivava a lavoro sfatto, chi cercava di resistere fino a sera. Chi non aveva modo di guardarsele e camminava per strada con le orecchie tappate facendo “lalalalalalala” e poi c’è sempre l’irriducibile che se ne sbatte, il migliore di tutti, lui che non ha mai avuto nessun patito di GOT che gli citofonava a casa in stile testimone di Geova per convincerlo a convertirsi. Questi ultimi, si sono sicuramente goduti le ultime settimane più della sottoscritta che al contrario si è lasciata plagiare da questo mondo infame.

Vi racconto in breve la mia esperienza. Passano quasi otto anni di serie e filippiche su GOT e per sfinimento io e il mio compagno decidiamo solo l’anno scorso di recuperare tutto quanto. Quindi… 67 episodi. Più o meno uno al giorno. Ci abbiamo messo 3 mesi.

Per farla breve da quella che era la mia distaccatissima reazione in risposta a chi mi chiedeva se lo avessi mai guardato, sono passata al lato nemico e alla totale fissa per questa serie. 3 mesi di fantapolitica fantasy sono bastati a friggermi il cervello, letteralmente, lasciando me assieme probabilmente a tutti quelli che sono arrivati a vedere l’ultima puntata della settimana stagione, con il fiato sospeso e in astinenza da ottava stagione. Due cacchio di anni di astinenza da ottava stagione!!

Io vi giuro, non mi è mai capitata una cosa così. Mi chiedo come sia possibile che una serie possa riuscire a generare un hype e un’aspettativa così enormi da parte del pubblico quando si appresta a concludersi. Si stima un rosso di 3 miliardi e 300 milioni di dollari in America perchè la gente non è andata a lavorare per vedere le puntate. Questi della HBO costretti a filmare con una pila enorme di container davanti al set per evitare che la gente scoprisse prima determinati eventi nella serie. Per sicurezza hanno anche scritto finali diversi per confondere le acque sulle varie dicerie qualora fossero trapelati i copioni.

Che poi se ci pensi, con 15 milioni a puntata di budget e la reputazione della serie, ti aspetti una roba incredibile … no?

E invece no.

SPOILER ALERT

Scusate ma qui esce la spoileratrice volontaria che è in me… diretta conseguenza dell’essere diventata mio malgrado una fissata di GOT.

Quindi, ciao a tutti quelli che interrompono, baci stellari.

Ora io mi devo sfogare.

Come può essere successo per davvero?

Ok che quando c’è moltissima aspettativa, si tende sempre a deludere, ma non così!

Hanno preferito il finale alla CDC in stile Occhi del cuore. Che letteralmente significa alla “cazzo di cane” per chi non lo sapesse (cit. Boris).

Con buchi di sceneggiatura, filoni narrativi importanti non approfonditi, minutaggio e dialoghi inutili, morti buttate là che Dio santo se c’è una cosa in Game of Thrones è la conclusione epica dei personaggi, soprattutto se si tratta dei più odiati, tipo di Cersei! Diaciamolo!

La guerra con gli estranei e i morti che resuscitano “Dai, mandiamo donne e bambini nelle cripte, li si che staranno al sicuro!” GENI TOTALI!

La madre dei draghi fuori con l’accuso, così di botto. Un’istante prima distruttrice di catene salvatrice di sto pipolo, un’istante dopo piromane e sterminatrice di popoli.

E poi i retroscena me li immagino: con lo spettatore nerd più accanito che cerca di ragionare e farsi tornare le cose per giustificare un copione scritto obiettivamente male! “Ma quindi quello ha fatto quella cosa perchè poi succede….” E invece no fratello. non succede un cazzo. Azione insensata. Uh ma guarda.

Il tutto condensato in sole 6 puntate poi, totalmente sbilanciate.

Così sbilanciate che alla quinta già si era abbastanza capito dove si andava a parare … beh ottimo. Tratto dalla guida “Come tenere lo spettatore sul pezzo parte 1.”

Ci sarebbero un milione di altre cose da dire.

Escludo gli effetti speciali assolutamente degni di nota ma … anche vaffanculo dai!

Belli i draghi e le fiamme, i morti che camminano ma scusate, ma a che diamine serviva sapere che Jon è un Targaryen se come al solito fa la fine dello sfigato?

Perchè mi devi lasciare alla settimana stagione ad esclamare sul divano “oddio e ora chissà che succede nell’ottava!!” Se poi mandi tutto in vacca e Jon è totalmente inutile nell’ottava??

Poi, cosa va a fare dinuovo al nord esattamente?

Per non parlare di Bran l’apatico che diventa re dei sei regni a culo, e lo decide su due piedi un credibilissimo Tyrion prigioniero e traditore. Eh si, perchè lui è il corvo con i tre occhi. Certo. Guerre durate secoli per sto cazzo di trono e nessuno si oppone o si chiede che cosa significhi essere il corvo dai tre occhi? Perchè io non l’ho ancora capito.

Sansa in tutto ciò, vista la situazione, ne approfitta e si autoproclama regina del Nord.

Arya se ne va a stravaffanculo non si sa dove.

Tornando a Bran, personaggio più espressivo di tutta la saga che tutto vede tutto sa … alla fine chiede agli altri dove sia andato Drogon. Ah be, se non lo sai tu. Iniziamo bene.

Ma possibile che nessuno, dopo aver letto sto plot, abbia detto “eh, ma misà che è un po’ una cacata sto finale” ?? Mah.

Martin, finisci sta benedetta saga in tempi non biblici per favore.

Dai un senso a nove anni della mia vita. Scusatemi.

Non mi odiate ma questo episodio dovevo proprio scriverlo.

Articoli Recenti


Attendi un secondo …
Grande! Ti ho appena inviato una mail di conferma per la tua iscrizione alla community!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.